venerdì 29 aprile 2011

Il senatore-detective Publio Aurelio Stazio

Sono emozionata perché questo è il primo post che pubblico nel blog, mi cimento in questa nuova impresa per darvi un consiglio per la lettura e spero di essere all’altezza.
Vi voglio parlare della scrittrice bolognese Danila Comastri Montanari che può essere considerata la regina incontrastata del giallo storico italiano. Dal 1990 la Montanari scrive libri incentrati sulla figura di Publio Aurelio Stazio, un senatore romano  che si trova  coinvolto in casi misteriosi che, come un impareggiabile detective in toga e laticlavio, riesce sempre a dipanare.
I gialli sono ambientati nella Roma dell’imperatore Claudio, a metà del primo secolo d.C..
Publio Aurelio Stazio è l'ultimo rampollo della nobilissima famiglia degli Aurelii, acquista la sua fortuna a sedici anni quando il padre, morendo, lo lascia padrone delle ville, delle flotte, delle industrie e di tutte le ricchezze della famiglia. Ciò permette al giovane Publio di soddisfare le sue ambizioni: viaggiare, studiare filosofia (è un convinto epicureo) e, soprattutto, corteggiare le belle donne.
Per risolvere i delitti, in cui si trova immerso, Stazio può contare su vari aiutanti:
-Castore, truffatore, ladro, ricattatore, falsario, imbroglione, ma il miglior segretario che Aurelio possa avere, che compensa il padrone con una fedeltà tutta sua e che, spesso,  riesce a cavarlo dagli impicci nelle situazioni più difficili.
-Paride, sovrintendente di Publio Aurelio, cura le proprietà e le ricchezze del dominus, che si rifiuta fortemente di farlo.
-Pomponia, migliore amica del protagonista, un’obesa signora dall'appetito, l'energia e la curiosità, ma anche la generosità, infinite. La sua conoscenza, la memoria infallibile e la curiosità spesso aiutano Aurelio.
Ogni libro è corredato da un’appendice sugli usi, costumi e curiosità della Roma imperiale e da un glossario dei termini greci e latini, dei luoghi geografici e dei personaggi storici citati nel romanzo. 
Io ho letto il primo romanzo "Mors Tua" su consiglio della mia carissima amica Paola, (una delle tre fidatissime a cui presto i miei libri), che, sapendomi appassionata di gialli, me ne parlò con entusiasmo. Da subito sono stata presa dalla saga dell’affascinante senatore e non mi perdo una sua avventura.



14 commenti:

  1. Ma ciao matematicaincucina.. Sono contenta di vederti qui. Terrò conto del tuo consiglio. Giusto giusto vorrei conprare un libro. Sono molto felice che non pensi solo alla matematica. Un bacio e buon W.E.

    RispondiElimina
  2. Ciao Matematicaincucina, piacere di conoscerti! Io sono una "vecchia" del Gruppo :-)cioè ci sono fin dal primo libro!
    Grazie per avermi fatto conoscere questo romanzo giallo e con esso tutta la serie scritta da questa scrittrice per me nuova: io sono appassionata di gialli, per cui mi fa piacerissimo la tua segnalazione!
    Ciao!
    Maris

    RispondiElimina
  3. Ciao matematicaincucina, anche per me è un vero piacere conoscerti!! Verrò a trovarti nel tuo blog, intanto ti ringrazio di questa splendida recensione!
    A presto e buon fine settimana a tutte!
    Ciao
    Cri

    RispondiElimina
  4. Grazie matematicaincucina, avevo sentito parlare di questi libri e ne ero incuriosita, ora ancora di più.
    Ciao
    Silvia

    RispondiElimina
  5. Condivido la tua passione per i libri gialli...che leggo in continuazione e la preferenza per gli autori che citavi nel tuo profilo.
    Prendo nota di questa autrice che non conoscevo
    Vieni a visitare il mio blog se ti va!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Ciao Matematica&Cucina!
    Conosco molto bene il mitico Publio Aurelio Stazio, ed ammiro molto l'altrettanto mitica Danila, sua creatrice, di cui sono onorata di essere concittadina. Mi sono letta tutti i libri che ha dedicato al suo fascinosissimo Senatore investigatore, e mi associo senza indugi al tuo consiglio!

    RispondiElimina
  7. Benvenuta Matematicaincucina!!!

    RispondiElimina
  8. Ciao cara...non ho mai letto libri di questo genere,ma ti ringrazio tanto per averlo esposto con tanta passione...che mi hai fatto venire voglia di provare a leggerlo.Grazie mille per il prezioso consiglio...a presto
    Iaia

    RispondiElimina
  9. Quoto! Adoro questi libri, sono davvero piacevolissimi e poi lui è proprio un bel tipo ;-)
    L'autrice, poi, è fedele alla storia, non fa errori ed è una cosa rara!!
    Hai dato un bel consiglio ;-)
    Bacio, Lò

    RispondiElimina
  10. ciao, non è il mio genere preferito ma ogni tanto mi piace leggere qualcosa di diverso e ora sono davvero curiosa, prima o poi leggerò qualcosa di quest'autrice, grazie della recensione; ma posso anch'io fare un post?, perchè mi piacerebbe condividere con voi lettrici qualcosa... buona domenica, Alex

    RispondiElimina
  11. Mi hai molto incuriosita, prenderò nota di questi libri.
    Grazie per la segnalazione.

    RispondiElimina
  12. ...ooops, chiedo scusa alla diretta interessata nonché alle amiche del Gruppo, mi correggo:
    Ciao MatematicaINCucina!... e benvenuta!

    RispondiElimina
  13. Ciao, matematicaecucina è il nome del mio blog. Io per voi mi chiamo Laura. A presto.

    RispondiElimina
  14. Carissima @Laura, per evitare di pasticciare ulteriormente (quando c'è la matematica di mezzo, anche solo verbalmente, il mio cervello smette di funzionare!), ti chiamerò ben volentieri con il tuo bellissimo, poetico nome. A presto!

    RispondiElimina


Grazie a Cri de "Il Visibile Invisibile"

Grazie a Miss Claire - La Collezionista di Dettagli - e a BasilicoeMentuccia - Viaggi d'inchiostro

assegnato dal gruppo "Quelle che il Tombolo" e da "La Libreria di Nicky"

ricevuto da Sylvia di Un Tè con Jane Austen

grazie a Newmoon di Sono una donna non solo una mamma

Grazie a Alessandra di "Tiritopettopino"